jueves, abril 25

Aaron Rodgers e un’offerta di vicepresidente che non c’è mai stata: «Sarebbe stato davvero interessante»

OAKLAND Il quarterback non c’era. Nessuna menzione del suo nome per due ore. Forse non ce n’era bisogno.

La semplice prospettiva di un accoppiamento aveva già raggiunto il suo scopo: guidare cicli di notizie, suscitare speculazioni, suscitare intrighi attorno a un’offerta a lungo termine per la Casa Bianca da parte di un outsider intento a sfidare le norme politiche. Ma Aaron Rodgers si candida alla vicepresidenza degli Stati Uniti?

Ciò non solo sfidava le norme politiche, ma metteva a dura prova la credulità.

Era quasi impossibile immaginare Rodgers bilanciare i rigori del suo lavoro quotidiano come quarterback dei New York Jets con una campagna politica ad alto rischio, in particolare questo autunno, quando il cuore della stagione regolare della NFL si scontra direttamente con il giorno delle elezioni. Tuttavia, Robert F. Kennedy Jr., candidato indipendente alla presidenza e membro della più famosa famiglia politica americana, all’inizio di questo mese ha insistito sul fatto che Rodgers, un suo amico, era tra quelli in cima alla sua lista di potenziali compagni di corsa.

Rodgers non ha mai negato o respinto pubblicamente la sua candidatura – ha «accolto con favore l’apertura», secondo il New York Times – promuovendo, almeno per alcuni giorni, l’idea che un quarterback quarantenne della NFL e futuro Pro Football Hall of Famer potrebbe prendersi una pausa dall’assumere le speranze della stagione dei Jets per viaggiare attraverso il paese e fare campagna elettorale, incontrare gli elettori e forse anche partecipare a un dibattito alla vicepresidenza. Oppure, in qualche modo, fai entrambe le cose contemporaneamente.

La prospettiva di un biglietto Kennedy-Rodgers – scarsa com’era fin dall’inizio – è stata ufficialmente messa a tacere martedì a Oakland, dove Kennedy ha nominato l’avvocato e filantropa Nicole Shanahan sua compagna di corsa. Shanahan, ex sposata con il co-fondatore di Google Sergey Brin, è un volto nuovo nell’arena politica. Recentemente ha donato 4 milioni di dollari per contribuire a pagare uno spot pubblicitario di Kennedy trasmesso durante il Super Bowl.

Rodgers si adattava allo stampo che Kennedy stava cercando. “Il nostro appello è rivolto ai giovani”, ha detto Kennedy in una recente intervista, e Rodgers “è messo alla prova perché è stato martellato dalla stampa” per il suo “scetticismo verso l’autorità”.

È discutibile quanta energia Rodgers avrebbe aggiunto alla candidatura di Kennedy. In pochi anni, è diventato una delle figure più polarizzanti nello sport, e anche alcuni dei più ardenti sostenitori di Kennedy, alcuni dei quali si sono recati all’Henry J. Kaiser Center for the Arts martedì per l’annuncio, non si erano bevuti l’idea. l’idea che Rodgers sia mai stato un candidato serio per il vicepresidente.

«Una trovata pubblicitaria», la definì Zack Nelson. L’imprenditore 26enne di Seattle è arrivato in aereo per l’evento e ha affermato di aver donato ingenti donazioni alla campagna di Kennedy, citando l’abbraccio di Kennedy nei confronti della criptovaluta. «Tutto quello che devi fare è dire ‘Aaron Rodgers potrebbe essere il nostro vicepresidente’ e la gente morderà», ha continuato Nelson. “Penso che sia stata una mossa di PR davvero intelligente per attirare l’attenzione. E ha funzionato”.

Da un posto vicino, Ryan Sarnataro, un 72enne che ha guidato per 85 miglia da Santa Cruz martedì, ha detto che il potenziale di Rodgers di unirsi al biglietto non lo ha lasciato del tutto impressionato. «Non vado pazzo per le persone senza qualifiche che si trovano a un passo dalla presidenza», ha detto.

Trip Derham, originario di New York, non l’ha mai preso sul serio. «Non ci credevo», ha detto. “Sarebbe semplicemente molto. Getterebbe tanta confusione nella gara”.

Alcuni, come Nicole Fuller, residente da sempre nella Bay Area, sembravano sbalorditi nell’apprendere che Rodgers era addirittura un candidato per il lavoro. «Non sapevo che fosse stato preso in considerazione, non ne avevo idea», ha detto. “Ma forse avrebbe portato quell’atmosfera popolare, quasi come Taylor Swift? Potremmo averne bisogno. Speriamo in un miracolo qui”.


Un sostenitore esulta durante l’evento di Robert F. Kennedy che annuncia Nicole Shanahan come sua compagna di corsa martedì. (Josh Edelson/AFP tramite Getty Images)

Sue Peters, una neuroscienziata di New York arrivata in aereo per l’annuncio di martedì, non ha avuto riserve su nessuno dei potenziali compagni di corsa di Kennedy, incluso Rodgers. «Mi fido di (Kennedy)», ha detto. “Mi sentivo come se (l’ex presidente Donald) Trump avesse rotto gli schemi e aperto la strada a Bobby per candidarsi alla presidenza come qualcuno che non ha una storia in politica. Non penso nemmeno che un vicepresidente debba avere una storia in politica.

Un sostenitore di Kennedy – che ha ammesso di essere nuovo alla politica – è scappato dal suo posto nel backstage prima dell’annuncio per prendere alcuni cappelli «KENNEDY 24» nella hall. Per qualche istante rimase in piedi a osservare i murali a grandezza naturale che decoravano l’ingresso, un collage di immagini che ripercorrevano la vita di Kennedy. Uno mostrava il candidato, forse 4 o 5 anni, cullato tra le braccia di suo padre. Prima di martedì, Metta World Peace (ex Ron Artest) non sapeva che Robert F. Kennedy Sr. stava facendo la sua corsa presidenziale quando fu assassinato nel 1968.

Come Rodgers, il veterano della NBA da 20 anni ed ex campione ha stretto amicizia con Kennedy nell’ultimo anno. È arrivato da Los Angeles martedì mattina per mostrare il suo sostegno, parlando tre volte sul podio, scatenando la folla prima che Kennedy e Shanahan salissero sul palco.

Alla domanda su Rodgers, che non conosce personalmente, World Peace ha valutato la possibilità che un atleta professionista si candidi alla carica di vicepresidente a metà stagione. “Amico, sarebbe stato così Veramente interessante», disse infine. «E davvero fantastico.»


Come siamo arrivati ​​a questo punto, un mondo in cui un quarterback diventato un provocatore part-time finisce nella rosa dei candidati vicepresidente di un candidato che sembra essere il nipote di John F. Kennedy?

Qualcosa è cambiato per Rodgers negli ultimi anni, almeno pubblicamente: ha perso interesse nel mordersi la lingua o nell’offrire i morsi preconfezionati a cui tanti atleti professionisti – soprattutto quarterback in franchising – si appoggiano quando vengono pressati davanti a microfoni o telecamere. Per dirla con le parole di Rodgers: semplicemente si è stancato di sedersi, restare in silenzio e permettere agli altri di modellare la narrazione intorno a lui.

Voleva dire la sua.

Rodgers ha ripetutamente suscitato polemiche – a volte apparentemente accogliente, persino assaporando la tempesta di fuoco che ne consegue; in altri momenti diventa frustrato per come crede di essere ritratto. Si è dilettato in teorie del complotto al “The Pat McAfee Show”, un pulpito accogliente dove Rodgers sa che non sarà sfidato dai conduttori.

Neppure se, come accaduto a gennaio, Rodgers avesse falsamente affermato che il nome del conduttore televisivo Jimmy Kimmel potesse essere tra quelli rivelati negli atti giudiziari legati al condannato per traffico sessuale Jeffrey Epstein. Kimmel ha minacciato di fare causa. Rodgers ha provato a respingere i commenti ma non si è mai scusato.

«Non lo definirò (un pedofilo) e non dovresti farlo nemmeno tu», ha detto Rodgers più tardi nello show di McAfee. “Permettetemi di chiarirlo chiaramente. Non tolgo alcuna eccitazione o gioia da nessuno che fa una cosa del genere. Quindi non farlo a mio nome. Non farlo affatto. Queste sono accuse gravi rivolte alle persone che sono su quella lista”.

Recentemente è andato su X per smentire un rapporto della CNN secondo cui aveva condiviso teorie del complotto sul massacro di Sandy Hook, i suoi unici commenti pubblici da quando è stato segnalato come potenziale vicepresidente di Kennedy, che ha detto sosterrà quest’autunno se Kennedy raggiungerà lo scrutinio. Come Kennedy, Rodgers ha ripetutamente espresso scetticismo nei confronti dei vaccini, a un certo punto prendendo in giro Travis Kelce definendolo “Mr. Pfizer» dopo il tight end dei Chiefs All-Pro ha recitato in uno spot pubblicitario a sostegno dei vaccini contro il COVID e l’influenza. Rodgers in seguito sfidò Kelce e il dottor Anthony Fauci a unirsi a lui e Kennedy per un dibattito sull’argomento.

Rodgers ha indotto in errore i giornalisti riguardo al proprio stato di vaccino prima della stagione 2020 e successivamente è risultato positivo al COVID. È stato multato dai Packers per non aver seguito i protocolli della lega. «Mi rendo conto di essere nel mirino della folla sveglia in questo momento», ha detto poco dopo nello show di McAfee, «quindi, prima che il mio ultimo chiodo venga messo nella mia bara della cultura della cancellazione, penso che vorrei mettere le cose in chiaro su ci sono così tante palesi bugie che circolano su qualcuno che pensa in modo critico.»

È così che Rodgers spesso si definisce.

«Non sono, sai, una sorta di terrapiattista anti-vax», ha detto a McAfee nel 2020. «Sono qualcuno che pensa in modo critico».

Rodgers ha detto che la sua schiettezza gli è costata amici, compagni di squadra e sponsor. Le turbolenze lo hanno seguito come un’ombra, sia in campo che fuori. C’è stato il suo disordinato divorzio durato anni con i Packers la primavera scorsa, che lo ha portato a New York, dove è stato accolto come un salvatore. La sua prima stagione con i Jets si è conclusa nel primo quarto della prima partita. La squadra ha inciampato.

VAI PIÙ PROFONDO

Aaron Rodgers, Robert Saleh e come la stagione dei Jets è andata in pezzi: «Qualcosa deve cambiare»

In una recente apparizione sul podcast di Joe Rogan, Rodgers ha sottolineato che è «meno venerato adesso» rispetto a qualche anno fa. La conversazione è poi tornata alla controversia sul COVID. «Difendi qualcosa, difendi coraggiosamente ciò in cui credi, oppure il lato opposto è non dire nulla ed essere un codardo», ha detto Rodgers. “Non ero disposto a farlo.

«Non voglio che quello che ho passato venga ignorato», ha continuato. “Inoltre, non me ne frega un—. Sono riuscito a guadagnare un sacco di soldi praticando uno sport in cui sono davvero bravo e ne sono grato. Ho una piattaforma. Alcune persone vogliono che tu stia zitto e tiri un pallone, e va bene, ma penso che ci debba essere una certa voce della ragione…»

Questo è in primo luogo ciò che ha attratto Kennedy verso Rodgers.

«L’istinto di Aaron Rodgers di scegliere il servizio agli altri rispetto al proprio interesse finanziario, il suo impegno per la salute fisica e mentale dell’America, il suo lavoro per legalizzare i trattamenti dei veterani e dei sopravvissuti a traumi con terapie psichedeliche e il suo record costante nel mantenere il coraggio delle sue convinzioni ispirami e commuovimi», ha scritto su X Amaryllis Fox, responsabile della campagna di Kennedy, all’inizio di questo mese.

È quindi appropriato che quando il New York Times ha diffuso la storia secondo cui era tra le migliori scelte di Kennedy come vicepresidente, Rodgers era in Costa Rica per il suo ritiro annuale di ayahuasca.


Non ci sono prove che i Jets sapessero che questa era una possibilità. Si può solo immaginare con quanta rapidità le mascelle colpirono il pavimento nella struttura della squadra quando «Rodgers preso in considerazione per la scelta del vicepresidente di Kennedy» scorreva sul ticker. Durante gli incontri della lega NFL di questa settimana a Orlando – prima che Kennedy escludesse ufficialmente Rodgers nominando Shanahan il suo compagno di corsa – i massimi dirigenti della squadra sembravano minimizzare la possibilità che il loro quarterback di punta stesse considerando un’avventura a breve termine e a lungo termine in politica.

«Non l’ho preso molto sul serio», ha detto il direttore generale Joe Douglas.

Rodgers ha contattato la squadra, informandoli che lui e Kennedy avevano parlato?

«Non era necessario», ha detto l’allenatore Robert Saleh.

Il calcio, quindi. Douglas ha speso la maggior parte del suo capitale offseason per rafforzare la linea offensiva dei Jets, che, in parte, ha portato al prematuro infortunio al tendine d’Achille di Rodgers lo scorso settembre. «Spero che si senta come se avesse dei candidati per il ruolo di Direttore della Sicurezza Nazionale (e) Segretario della Difesa ora che abbiamo rafforzato la o-line», ha scherzato il GM.

Rodgers, ha dichiarato il proprietario Woody Johnson, «ha voglia di partire» ed è in programma di tornare.

Questo è un bene per i Jets. Hanno schivato una distrazione. Ma conoscendo questo quarterback, ne arriveranno altri.

Zack Rosenblatt ha contribuito a questo rapporto.

(Foto di Rodgers: Ryan Kang / Getty Images)